mostre 2017

Frame on the walls / Lea Eouzan


Le vie di Sandtown, quartiere povero della città di Baltimore (Maryland – Stati Uniti) ricordano le immagini prodotte nei filmi o serie americane. Ho voluto credere a una offerta della miseria ma non è questo il caso. Scoprivo degli spazi dove il tempo sembrava sospeso, in tensione, con il sospetto che una mossa sbagliata ci avrebbe fatto ribaltare dalla parte della violenza. Il semplice fatto di fare su e giù per le vie di Sandtown vi fa provare tutta la sofferenza e l’ingiustizia – razziale, sociale e morale – di queste zone abbandonate dai governi successivi. Non ho potuto fotografare gli abitanti di Sandtown, per mancanza di tempo, questo tempo di "addomesticamento", di conoscenza e di fiducia indispensabile. Ho potuto sfiorare queste esistenze torturate grazie al lavoro impegnato di questi artisti, in particolare di murales, riuniti dopo la morte di Freddie Gray, giovane afroamericano deceduto il 19 aprile 2015 in seguito a ferite all'epoca inflitte. Per la loro azione, il messaggio appare giusto e semplice : "Insieme, resistiamo e dobbiamo combattere contro l'ingiustizia." A fine luglio, il procuratore di Baltimore abbandonava ogni inseguimento contro i sei poliziotti implicati nell'omicidio di Freddie Gray. La lotta sarà dura e lunga nel tempo.


Profilo autore
Dopo una formazione tecnica nel campo della fotografia a Parigi (nel periodo 1999-2001), Léa Eouzan si laurea nel 2006 presso la Scuola Nazionale Superiore di Fotografia di Arles (con Lode). Nello stesso anno, il Festival di Fotografia di Roma le offre la sua prima mostra collettiva. Un suo progetto dedicato ai luoghi della memoria è stato pubblicato nella quarta edizione della "Storia della Shoah" in edizioni Utet e recentemente in "Immagini Future" (Motta 24 ORE Cultura) e "dopo" (Thames & Hudson). La sua prima mostra personale è stata presentata presso la galleria Le Bleu du Ciel (Lyon) nel maggio 2009. Grazie a questo lavoro gli stato commissionato un progetto nel lager di Ausciwitz,"Guida Historique d'Auschwitz", pubblicato nel gennaio 2011, alle edizioni Autrement. Nel 2012, espone a Bastia (Corsica) presso la galleria Gour & Beneforti . Un anno dopo, è il fotografo per l'evento KM 1, una residenza orchestrato l'Alliance Française a Manila, in collaborazione con il Museo Nicephore Niepce di Chalon-sur-Saône. “Ciò che rimane, ciò che scompare” è la mostra che deriva da questo lavoro, in seguito esposto al museo dei luoghi della memoria. La mostra è presentata in Quezon City - Manila e Parigi nel gennaio 2014. Intersezione, l'interazione tra natura, architettura e inquinamento umano, è l'ultima opera esposta alla Galleria CrossMackenzie di Washington nel novembre 2015, sostenuto dall'Assessorato alla Cultura dell'Ambasciata di Francia negli Stati Uniti. Allo stesso tempo, ha lavorato su un progetto con artisti murali di Baltimora - in collaborazione con la Fondazione CrossCurrent – documentando il loro intervento nel quartiere svantaggiato di Sandtown (Baltimore). Questo lavoro è pubblicato nel gennaio 2016 ("Frames sui muri").


riferimenti
sito web / www.leaeouzan.com
copyright / Lea Eouzan, tutti i diritti riservati


Selezione di immagini dalla mostra

▲ top page

BìFoto fest 2018 / dal 28 Aprile al 13 Maggio
PRESSO / Fiera del Tappeto di Mogoro, piazza Martiri della Libertà, Mogoro (OR)
ORARIO APERTURA / 17:00 ~ 21:00
SEGUICI SU FACEBOOK / BiFotoFest