edizione 2018

Lolita / Valentina Sinis

La donna di tutti i giorni. La maggior parte delle cose nella vita sono una questione di negoziazione. Lolita è una donna, che non doveva essere negoziata. Quello che doveva essere negoziato era il modo in cui veniva percepita da coloro che la circondavano. E quella negoziazione è stata quella che ha richiesto tempo e impegno. Prima c'erano la famiglia e gli amici, che la prendevano in giro durante l'infanzia e l'adolescenza per non essere un tipico maschio. Suo padre voleva che lei fosse un soldato, proprio come lui. L'ha iscritta in collegio, al fine di renderla l'uomo dell'esercito che pensava di dover essere. Per Lolita, il collegio e’ sembrata la perfetta soluzione all'abuso verbale e fisico di suo padre. Si è rivelato invece il luogo per un diverso tipo di abuso. Prima è stata violentata dagli studenti piu’ grandi di lei, e l'anno seguente, quando l'aggressione sessuale è diventata più diffusa, ha iniziato a prendere compresse anticoncezionali non prescritte. La seconda parte della negoziazione affrontata da Lolita riguardava la salute. Convinta da un amico, ha iniziato a prendere gli ormoni femminili al liceo, nella speranza di sviluppare un aspetto più femminile. Ma l'assunzione di ormoni pesanti ha un enorme impatto sull'umore e sul benessere generale. Riduce drammaticamente anche l'aspettativa di vita delle persone transgender. L'unica opzione è la chirurgia di rassegnazione del sesso: diventare una donna significa ridurre gradualmente l'assunzione di ormoni a zero ed estendere in modo significativo l'aspettativa di vita. La negoziazione finale è stata con gli uomini. Molti dei ragazzi a cui ha chiesto se sarebbero stati ancora attratti da lei dopo l’operazione hanno risposto che non sarebbe piaciuta senza il suo pene. Il pene è un prezioso feticcio sessuale, è ciò che rende una lady boy desiderabile agli occhi di alcuni uomini . Perderlo non solo sarebbe incredibilmente costoso - la chirurgia costa fino a 5000 euro - ma anche incredibilmente dannoso a medio termine. Cioè, se la prostituzione è ciò che una lady boy pianifica come fonte di reddito. Lolita ha chiaramente progetti diversi. È diventata una donna il 1 ° febbraio 2017: è entrata in una ben conosciuta clinica in Thailandia e ha scambiato una parte inutile di se stessa per avere l'opportunità di una vita più conforme ai suoi ideali. Con il supporto del suo ex fidanzato, che l'ha aiutata finanziariamente, ha fatto quello che voleva e ne è felice. Si sente molto meglio, dovendo solo prendere due pillole di ormoni ogni notte e ha intenzione di fermarsi completamente dopo la sua prossima operazione programmata. Si sente più a suo agio, essendo in grado di vestire come più preferisce - anche indossando un bikini - ed essere vista come la vera donna che si sente di essere. Può vedere un futuro dinanzi a se, vorrebbe aprire un ristorante e trovare un modo per aiutare i bambini che affrontano la stessa sfida di identità che ha dovuto affrontare lei. Perché l'identità non è mai stato il vero problema, per Lolita. Era per quelli intorno a lei. La problematica era nel negoziare uno spazio vitale in cui brillare e costruire una vita bella come lei desiderava . Ed essendo la donna forte che è, lo ha fatto. Per se stessa e per tutti quelli con cui sarà in grado di condividere la sua esperienza.


Profilo autore
Fotografa e fotogiornalista di origine sarda abita in Cina, cofondatrice della rivista LOTS (Life On The Street) e collaboratrice del progetto EyesOnChina. I suoi lavori gravitano intorno soggetti eccentrici e spesso si ritrova attratta da realtà e persone relegate ai margini della società. Le foto mostrano una profonda ma delicata penetrazione nelle idiosincrasie, significati nascosti e tutti quei piccoli gesti che sono dati per scontati o sensazionalizzati, ma raramente studiati. Scoperta da How Hwee Young, la direttrice fotografa per la Cina di EPA (European Pressphoto Agency), che le ha dato l’opportunità di lavorare come freelance.


riferimenti
sito web / ---
copyright / Valentina Sinis, tutti i diritti riservati


Selezione di immagini dalla mostra

▲ top page

BìFoto fest 2018 / dal 27 Aprile al 13 Maggio
PRESSO / Fiera del Tappeto di Mogoro, piazza Martiri della Libertà, Mogoro (OR)
ORARIO APERTURA / 17:00 ~ 21:00
SEGUICI SU FACEBOOK / BiFotoFest