ITA - Informativa sui cookies • Questo sito internet utilizza la tecnologia dei cookies. Cliccando su 'Personalizza/Customize' accedi alla personalizzazione e alla informativa completa sul nostro utilizzo dei cookies. Cliccando su 'Rifiuta/Reject' acconsenti al solo utilizzo dei cookies tecnici. Cliccando su 'Accetta/Accept' acconsenti all'utilizzo dei cookies sia tecnici che di profilazione (se presenti).

ENG - Cookies policy • This website uses cookies technology. By clicking on 'Personalizza/Customize' you access the personalization and complete information on our use of cookies. By clicking on 'Rifiuta/Reject' you only consent to the use of technical cookies. By clicking on 'Accetta/Accept' you consent to the use of both technical cookies and profiling (if any).

Personalizza / Customize Rifiuta / Reject Accetta / Accept

edizione 2020

Territory / Andrey Semenov

Se si osservano le immagini di Andrey Semenov il pensiero non può non correre inevitabilmente a Gilles Clément e al suo Le Manifeste du Tiers-Paysage che teorizza l’esistenza di una area in cui la progettazione degli spazi della città fatta dall’uomo viene abbandonata e la natura si riprende la gestione dello spazio. Un’area di transizione che non è più città, ma nemmeno si può definire campagna. «Vivo in una megapoli – afferma Andrey Semenov –edifici in vetro e cemento, treni della metropolitana ad alta velocità, Uber e Internet illimitato anche sottoterra. Beh, lo capite, penso che… Sorprendente, ma questo mondo ha dei confini, un territorio dove tutto sembra proprio come una città – grattacieli, autostrade, supermercati – ma qui c’è qualcosa che non va. Il territorio è un luogo in cui una città assorbe involontariamente il DNA della natura, della spazio che è stato invaso. Formalmente, questa è una città, e la gente pensa di vivere secondo le regole della città, ma la natura è insolitamente vicina, e cambia (o risveglia?) le abitudini umane. Presto, il sistema immunitario della megalopoli dissolverà laghi e foreste, che rimarranno solo nella memoria, un miraggio, la consapevolezza che da qualche parte al di là del muro c’è acqua infinita e un oceano di foglie».


Profilo autore
Andrey Semenov è un artista visivo che lavora con la fotografia documentaria e artistica e con il video. Attualmente Andrey Semenov vive a Mosca, ma ha studiato matematica alla Kazan State University (Russia) e fotografia presso la scuola scuola di Elena Sukhoveeva e Viktor Khmel a Krasnodar in Russia. Andrey Semenov lavora con progetti a lungo termine incentrati sul rapporto della persona con il suo ambiente e lo spazio, nel senso ampio della parola inteso quindi come lo stato, la natura, le persone e se stessi. I suoi lavori sono stati esposti e pubblicati in Russia, Italia, Regno Unito, Francia, Bulgaria, Serbia, Polonia e in altri paesi del mondo.


riferimenti
copyright / Andrey Semenov, tutti i diritti riservati


Selezione di immagini dalla mostra

▲ top page

BìFoto fest
Festival della fotografia in Sardegna
Dodicesima edizione / inaugurazione 29/04/2022



Seguici sui nostri social:
facebook / instagram / youtube







Media partner