ITA - Informativa sui cookies • Questo sito internet utilizza la tecnologia dei cookies. Cliccando su 'Personalizza/Customize' accedi alla personalizzazione e alla informativa completa sul nostro utilizzo dei cookies. Cliccando su 'Rifiuta/Reject' acconsenti al solo utilizzo dei cookies tecnici. Cliccando su 'Accetta/Accept' acconsenti all'utilizzo dei cookies sia tecnici che di profilazione (se presenti).

ENG - Cookies policy • This website uses cookies technology. By clicking on 'Personalizza/Customize' you access the personalization and complete information on our use of cookies. By clicking on 'Rifiuta/Reject' you only consent to the use of technical cookies. By clicking on 'Accetta/Accept' you consent to the use of both technical cookies and profiling (if any).

Personalizza / Customize Rifiuta / Reject Accetta / Accept

edizione 2022

Vitiligo / Rosa Mariniello

La vitiligine è una malattia cronica non contagiosa caratterizzata dalla comparsa sulla cute di aree di depigmentazione dovute a riduzione o assenza di melanociti, le cellule che producono la melanina, il pigmento responsabile della colorazione della pelle. Colpisce una percentuale compresa tra l’1 e il 2% della popolazione mondiale, senza alcuna distinzione di età, sesso o etnia, e ha un decorso imprevedibile. Per realizzare questo progetto, ho incontrato e ritratto persone in cinque diversi paesi: India, Cina, Danimarca, Cuba e, naturalmente, Italia. L’India, la Cina e la Danimarca sono le tre nazioni con la maggiore incidenza di casi (nella regione del Gujarat, in India, si arriva al 9%). Cuba merita invece attenzione in virtù di un centro specializzato de L’Avana, dove è stato scoperto e sviluppato un prodotto per il trattamento della vitiligine basato sull’estratto di placenta umana, prodotto molto economico (il costo è inferiore a quello di una barretta di cioccolato) ma, a quanto si sostiene, di grande efficacia. VITILIGO si interroga, inevitabilmente, sui temi della bellezza, dell’identità e del cambiamento. Basti pensare al fatto che i giovani in cui la vitiligine è particolarmente visibile vengono spesso evitati, umiliati, o scherniti con nomignoli dispregiativi (mucca, pagliaccio, giraffa). Ciò porta a domandarsi cosa sia la bellezza nella società contemporanea, e fino a dove ci si possa spingere in nome dell’estetica. Perché le conseguenze emotive della stigmatizzazione possono essere devastanti: bassa autostima, ansia, e persino depressione. Uno degli obiettivi fondamentali che mi hanno guidata nella realizzazione del progetto è stato catturare un’immagine autentica dei miei soggetti, i quali hanno superato l’ostacolo più grande – lo sguardo e il giudizio altrui – e si sono mostrati con forza e umiltà, restituendo alla loro figura una dignità intimamente smarrita.Mostrarsi non è stato facile, ma facendolo hanno dimostrato di saper accettare se stessi e la propria diversità.


Profilo autore
Rosa Mariniello, napoletana classe 1970, laureata in Architettura. Nel 2006, trasferitasi a Roma, lavora come Fotografa di Scena e video-maker (backstage) per molte case di produzione cinematografiche e televisive Italiane dal 2006 e 2016. Dal 2011 segue come fotografo Concerti, Premiere Cinematografiche e Internazionali di Cinema in Italia e all’esterno. Nel 2011 entra a far parte della European News Agency & G.N.S.PRESS come fotoreporter internazionale (21-01-7192 8-IPC). E’ autrice del ‘Lo Scorrere del Tempo’ per la Collezione ‘Doni’ di ImagoMundi. Dal 2016 si dedica quasi esclusivamente a progetti personali a lungo termine tra cui: Vitiligo; The Suspended Youth; The Sustainable Farmers; At Km 5.6; Trip(le)s, Lucania.


riferimenti
sito web / www.rosamariniello.com
copyright / Rosa Mariniello, tutti i diritti riservati


Selezione di immagini dalla mostra

▲ top page

BìFoto fest
Festival della fotografia in Sardegna
Dodicesima edizione / inaugurazione 29/04/2022



Seguici sui nostri social:
facebook / instagram / youtube







Media partner